© 🌻𝐓𝐢 𝐠𝐮𝐢𝐝𝐨 𝐧𝐞𝐢 𝐭𝐮𝐨𝐢 𝐨𝐛𝐢𝐞𝐭𝐭𝐢𝐯𝐢 𝐞𝐝𝐢𝐭𝐨𝐫𝐢𝐚𝐥𝐢 𝐞 𝐝𝐢𝐯𝐮𝐥𝐠𝐚𝐭𝐢𝐯𝐢

Supply Chain nel Digital Marketing

Video presentazione dell’articolo

Supply Chain vuol dire ”catena di approvvigionamento” e l’uso nel Digital Marketing è utile per l’ottimizzazione. Nell’articolo spunti utili per chi opera in tal senso.

un po’ di musica?

Cos’è la supply chain? E’ l’insieme di processi e delle attività che si svolgono per portare il prodotto/servizio dal fornitore al cliente finale.

La supply chain nel Digital Marketing

Nel Digital Marketing la supply chain ha diverse funzioni per cui non si ferma alla produzione e distribuzione dei prodotti fisici bensì contribuisce con la gestione dei flussi delle informazioni e risose digitali per la promozione e la distibuzione online.

Content providers e content creation

La catena di approvvigionamento digitale inizia con i fornitori di contenuti, che possono essere scrittori, designer, fotografi, o altre fonti di contenuti digitali. I fornitori si impegnano in qualità e pertinenza per la promozione del prodotto/servizio online

Distribuzione dei contenuti e acquisizione di traffico

Creati i contenuti vanno distribuiti nei canali digitali appropriati e sono:

  • siti web aziendali
  • blog
  • social media
  • e-mail
  • altri mezzi digitali

Le strategie più utilizzate prendono in considerazione la SEO con l’ottimizazzione dei motori di ricerca, la pubblicità online e il marketing organico sui social media. Advertising

Coinvolgimento degli utenti e conduzione alle conversioni

Quando gli utenti interagiscono con i contenuti vanno coinvolti. Come fare? Per esempio se un utente a commentato, rispondi in modo amicale e professionale. L’interazione può avvenire anche con condivisioni, partecipazione a sondaggi e altre forme possibili via internet.
L’uso del funnel di conversione è di grande aiuto, guida il visitatore attraverso la call-to-action, offerte speciali a diventare cliente.

Comunque le strategie di marketing sono molte e possono essere usate per la conversione che siano lecite e in sintonia con la vision aziendale oltre alla sua filosofia.

Gestione del feedback e analisi dei dati

Impegnati anche a richiedere il feedback quando questi non vengono dati spontaneamente. Chiedere è buon uso!
Raccogli i dati sulle prestazioni della supply chain digitale. Ma quali sono i dati? I dati includono metriche di traffico, tassi di conversione, feedback degli utenti e altro ancora. Dopo la raccolta i dati vanno analizzati e vanno identificati i punti di forza e debolezza nella loro catena di approvvigionamento digitale dove occorre apportare le modifiche necessarie.

Ottimizzazione continua e miglioramento

Non esiste staticità nella supply chain digitale infatti è in continua evoluzione che richiede una costante evoluzione e miglioramento. L’uso dei dati e i feedback per creare strategie marketing aiuta il migliormento.

Riflessione

In conclusione, la supply chain nel digital marketing è fondamentale per il successo delle strategie di marketing online. Comprendere i suoi componenti e ottimizzare il flusso di informazioni e risorse digitali è essenziale per massimizzare l’impatto e il rendimento delle attività di marketing digitale.

Pianificazione degli Acquisti e delle Consegne


(supporto chatgpt4 per la tabella RICHIESTA PREVENTIVI)

Valutazione dei Mercati di Approvvigionamento

  • Analisi delle condizioni di mercato
  • Identificazione dei potenziali fornitori

Richiesta dei Preventivi

  • Selezione di un numero adeguato di fornitori per la richiesta di preventivi
    • Numero minimo: 2 fornitori
    • Numero tipico: 5 fornitori

Confronto dei Preventivi

  • Raccolta e analisi dei preventivi ricevuti
  • Valutazione delle offerte in base a criteri competitivi (prezzo, qualità, tempi di consegna, condizioni contrattuali)

Decisione e Pianificazione

  • Selezione del fornitore più adatto
  • Pianificazione delle consegne in base alle esigenze aziendali
  • Formalizzazione degli ordini di acquisto

I nomi

Ma chi ha inventato la nozione ”supply chain”?

Questo concetto contiene l’evoluzione della gestione aziendale mentre la nozione moderna di supply chain management risale agli anni ’80 e i precursori sono:

Oliver E. Williamson

Il suo lavoro sulla teoria dell’impresa ha contribuito a comprendere meglio le dinamiche delle relazioni tra aziende e fornitori, aprendo la strada alla considerazione della catena di approvvigionamento come un elemento critico per il successo aziendale.

Peter Drucker

Un influente teorico della gestione aziendale, Drucker ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra le diverse funzioni aziendali, inclusi gli approvvigionamenti e la produzione, per raggiungere l’efficienza complessiva dell’azienda.

W. Edwards Deming

Noto per il suo lavoro sulla qualità e sul miglioramento dei processi aziendali, Deming ha evidenziato l’importanza della gestione della catena di approvvigionamento nella creazione di prodotti e servizi di alta qualità.

Taiichi Ohno

Il padre del sistema di produzione Toyota, noto come Lean Manufacturing, ha introdotto concetti come il just-in-time e la riduzione degli sprechi, che hanno avuto un impatto significativo sulla gestione della supply chain.

Bernard J. LaLonde e Keith Oliver

Accreditati come pionieri del termine “supply chain management”, LaLonde e Oliver hanno pubblicato un articolo nel 1983 sulla rivista Harvard Business Review che discuteva dei vantaggi derivanti dalla gestione integrata delle attività di approvvigionamento e distribuzione.

Col tempo è diventato un elemento chiave per il successo delle aziende in un’economia globalizzata.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Progetta - Comunica - Credi