© 🌻𝐓𝐢 𝐠𝐮𝐢𝐝𝐨 𝐧𝐞𝐢 𝐭𝐮𝐨𝐢 𝐨𝐛𝐢𝐞𝐭𝐭𝐢𝐯𝐢 𝐞𝐝𝐢𝐭𝐨𝐫𝐢𝐚𝐥𝐢 𝐞 𝐝𝐢𝐯𝐮𝐥𝐠𝐚𝐭𝐢𝐯𝐢

Parlare in pubblico. Lo schema

un po’ di musica?

Parlare in pubblico ti fa sentire a disagio?
L’articolo è per te ed è scritto per dissolverlo nei meandri più reconditi degli eventi a cui parteciperai in Public Speaking

Prima di entrare in sala

Prima di entrare in sala oppure accendere il microfono e iniziare a parlare fai un bel respiro e lascia passare una decina di secondi prima di iniziare e ricorda che con il pubblico ci dialoghi meglio se allegerisci il tuo stato d’animo, le tue tensioni. Perchè in realtà ogni persona presente può esserne infastidita e perdere l’interesse ad ascoltarti. Sì il tuo disagio può essere un’opportunità per dare eco e maggior chiarezza al messaggio che stai dando alla tua platea. Infatti sarai più coinvolta/coinvolto per cui farai emozionare e coinvolgere.
Tutti e tutte abbiamo timore di parlare in pubblico! Anche i più abituati

Saper parlare non è un dono è una qualità che la si acquisisce con lo studio e la pratica. Chi ha dato molti esami a scuola è apparentemente più sicuro perché è abituato a parlare difronte a tante persone.
Ergo è la pratica.

Non prepararti per eliminare il disagio la paura che va accolta come opportunità di miglioramento studia l’argomento per avere maggior conoscenza ed è questa che porta le parole tra i pensieri a cui darai voce.

Prepara il discorso

  • informati sul tuo pubblico e cosa si aspetta
  • organizza l’esposizione
  • parla con entusiasmo, credi in quello che stai presentando
  • la brevità è un’altra puntualizzazione da non dimenticare
  • fai pratica. Parla davanti allo specchio al cane al gatto ad un pubblico famigliare e di amici…

La tecnica di rilassamento preferisce un’immagine di te in cui ti rappresenti con un pubblico entusiasta. Importante è ripassare la presentazione.

Sei difronte al pubblico

Sei teso e agitato sei carico di energia meglio se incanalarla, come fare?

  • parla ad alta voce. Rivolgi una domanda al tuo pubblico
  • posa lo sguardo sulle persone per alcuni secondi se sono conosciute meglio ancora
  • mentre parli usa i gesti per spogliare le parole di significati che non gli appartengono. Ciò ti fa scaricare adrenalina
  • ricorda i dieci secondi di silenzio

Mantieni l’ascolto del pubblico

Tieni un tono coinvolgente alcuni recitano una parte, come se fossero degli attori, se ti fa bene, puoi farlo. Diventa attore! Tuttavia se io vado ad un convegno di medicina oppure ad una presentazione di come preparare la pizza napoletana voglio lo stesso impegno. Per cui mettici impegno.

  • dovrai interessare il pubblico con quello che dici e per come ti muovi per come sfiori gli sguardi
  • devi dire cose utili altrimenti passa oltre
  • parla coerentemente e correttamente, ma ricorda che sbagliare è umano
  • coinvolgi gli ascoltatori alleggerendo i toni dove serve ed essi aulico sempre se necessario
  • raccontati

Dialoga col pubblico

La presentazione che io preferisco e probabilmente è quella che mi riesce meglio è ”dialogare col pubblico”. Coinvolgi ogni persona e falla sentire che sei grato/a che sia lì per te …

Prova e riesci a dare un clima di familiarità senza barriere. Esci dalla scrivania e avvicinati al pubblico…

Introduzione della tua presentazione

Una delle tante tecniche per introdurre un discorso

  • i dieci secondi di silenzio
  • sblocca il ghiaccio con una domanda oppure una citazione
  • subito dopo spiega l’obiettivo del discorso
  • dai un riferimento alla città in cui l’evento avviene
  • racconta un po’ di te intrecciando situazioni con la città paese nazione
  • informa dei vantaggi che si possono avere ascoltando fino alla fine del discorso
  • sorridi
  • ogni tanto resta in silenzio

I punti necessari in un discorso

1 cronologico
2 spaziale
3 causale
4 comparativo
5 attualità
6 problema-soluzione

Usa dati di riferimento anche storici, coordinate geografiche, immagini e testimonianze. Puoi sempre raccontare esperienze personali di te oppure di un cliente.

Ripetere

Una buona tecnica è quella delle ripetizioni mentre si parla. Esempio:

A Titolo (lo sport)
B Sottotitolo (come lo sport aiuta il sonno)
C Aneddoto (prima di iniziare la giornata fai qualche esercizio di ginnastica)

Conclusione

Quando inizi la conclusione non tornare sui tuoi passi: concludi. Poco male se ti sei ricordato alcune cose omesse, lascia così il tuo intervento perché disorienteresti il tuo pubblico

Esempio di una tipica conclusione

  • riassunto dei punti principali e dei vantaggi per il pubblico
  • chiedere un invito all’azione
  • emoziona, coinvolgi
  • riferisciti al futuro offrendo un obiettivo
  • fai una domanda

Postura

Importante la postura che indichi forza e determinazione. La postura che ti suggerisco è piedi ben piantati a terra a ore dieci e dieci, un corpo eretto, mento alto e braccia e mani che accompagnano le parole e come in un abbraccio lentamente spostati dal posto iniziale e rivolgiti ad ogni lato del pubblico.

Parla con gli ascoltatori poni una domanda e continua dolcemente con passi decisi e lenti, parole che accarezzano e gesti che accompagnano la tua unicità la tua individualità. L’espressione del tuo volto cerca gli sguardi a cui donerai un tuo sorriso ad alcuni volti, sorpresa.

Poi torna su di te e dialoga, usa la mimica facciale attinente a ciò che stai raccontando

Voce

Lascia che la tua voce scandisca le parole e permettiti di provare emozioni, rendila gradevole ed energica però con naturalezza!

Materiale

Il tema da esporre va studiato e nella fase iniziale è importante una verificazione delle informazioni che andrai a presentare, dopodichè lo impaginerai con le tecniche appropriate per esempio Descrizione – Corpo – Conclusione.

Cerca in internet in biblioteca e nella tua mente. Ricorda dopo aver preso appunti delle informazioni trovate fai sempre la verificazione incrociata. Inoltre potrà accadere di cambiare il punto di vista iniziale tieni presente che potrà creare un ulteriore disagio ma che saprai accantonare perché cambiare idea si può.

Devi rendere il discorso interessante e l’uso di materiali diversi non lo farà noioso! Quindi procurati oppure crea delle slide.

Quando parli davanti alla gente è suggerito mettere in relazione alcuni dati del tuo discorso con le esperienze attuali per questo cerca di conoscere il tuo pubblico e sarà più facile non sbagliare.

Digressione

🌻 Le figure retoriche per una buona presentazione:
– La similitudine. Creare una frase che usa la parola ”come” per esempio <<bella come una dea>>
– La metafora. Trasferimento del significato di una frase, per esempio <<Una corridrice adulta è come un fiume, fluente e sicuro nella sua direzione>>
-Alliterazione. Figura retorica che vede insinuarsi una lettera ripetuta oppure il suono della lettera iniziale come nell’esempio conosciutissimo Coca Cola. Crea l’attenzione sulle parole attraverso la fonetica.

Riflessione

Spero vivamente che questo articolo ti sia di aiuto e che ti tranquillizzi quando parlerai alla tua platea.
Fondamentalmente devi partire nel modo giusto: raggiungi il centro – resta in silenzio – rivolgiti al pubblico con una domanda – presenta brevemente i punti che descriverai – invita il pubblico a preparare domande alla fine del tuo intervento – sorridi – corpo eretto piedi ben piantati per terra ad ore 10:10 e buona presentazione!

Presto scriverò un altro articolo per darti altre informazioni e tecniche utili sul saper comunicare in pubblico.


Se hai bisogno di ulteriori suggerimenti, vuoi scrivere una guida, divulgare i tuoi servizi, richiedi un colloquio conoscitivo:
© H.EDDA Scrittura & Marketing
Redazione 
e-mail: h.eddaidw@gmail.com
cell: 351 8484619

Il miei libri: https://lnkd.in/d83sc55i

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Progetta - Comunica - Credi